Il perchè de "Le Cerase e i Mostaccioli"...

Il perchè de "Le Cerase e i Mostaccioli"... Questo è il primo Food Blog italiano interamente dedicato alla Città Serafica di Assisi ed ai suoi Santi. Questo blog infatti è nato principalmente per unire due mie grandi passioni: quella per la cucina casalinga, sana, semplice e genuina con gli inconfondibili sapori e profumi di una volta... e quella per Assisi, luogo fuori da ogni tempo, incredibilmente sospeso tra cielo e terra, pervaso da un' energia del tutto particolare, serafica, luminosa e buona, che arricchisce questa meravigliosa cittadina umbra situata alle pendici del Monte Subasio, famosa per essere una delle poche testimonianze dell' architettura medievale ad oggi meglio conservata e per aver dato i natali ai Santi Chiara e Francesco di Assisi e proprio da questi motivi è nato il nome del Blog "Le Cerase e i Mostaccioli". LE CERASE perchè una pia tradizione narra che Santa Chiara, ormai morente chiede una cerasa alla Consorella. Nonostante Agosto non sia stagione di ciliegie, la consorella di Chiara tornerà miracolosamente con una ciliegia. I MOSTACCIOLI perchè la leggenda di San Francesco narra che il Santo prima di morire, chiese di mangiare i mostaccioli, dolcetti antichi fatti di elementi semplici. Per questo ogni anno ad Assisi il 4 Ottobre, giorno dedicato al Santo Patrono d'Italia si rinnova l'antica tradizione e questi dolci vengono preparati con amore e devozione. Inoltre visitando il mio Food Blog troverete le mie foto-ricette, i contest e le iniziative alle quali partecipo, i link delle Aziende con cui ho il piacere di collaborare, gli spazi dedicati alle loro presentazioni e le promozioni che periodicamente le Aziende propongono. Inoltre cliccando quà e là avrete anche modo di trovare altri link, tra cui quello dedicato alle ricette semplici del Convento e quelli per vivere al meglio un soggiorno in Umbria, delizioso luogo lontano dai mari, dove la dolcezza dei paesaggi sembra voler accomunare in modo armonico identità e pensieri diversi. L'Umbria viva, delle Persone semplici e sincere, riservate ma ospitali, che quando danno il loro cuore è per sempre; l'Umbria della Cucina dai sapori e profumi genuini, legati ad una terra antica, che ancora oggi sà regalarci prodotti semplici ed al tempo stesso pregiati, perchè tipicamente autoctoni di questa magnifica Regione, l'Umbria delle emozioni profonde, dove alla vista delle sue dolci colline e dei verdeggianti paesaggi ricoperti di ulivi ci sottraiamo piacevolmente all'andar frenetico del nostro tempo. L' Umbria medioevale, autentica e mistica di San Francesco e Santa Chiara d'Assisi, l'Umbria antica degli Etruschi e dei Romani, l' Umbria del lento incedere del Tevere e dalla mirabile potenza delle Cascate delle Marmore, l'Umbria del Jazz, della Cioccolata e del Festival dei Due Mondi. L'Umbria che ti aspetta e sarà lieta di accoglierti, per non farsi più dimenticare. Potrete così organizzare viaggi e week-end per vivere al meglio tutti gli eventi storico-culturali che annualmente animano Assisi ed i Borghi limitrofi. Sperando che tutto ciò possa essere utile e di vostro gradimento potete lasciare i vostri preziosissimi commenti... ...nel frattempo vi auguro Buon Appetito e Buona Navigazione!!!

giovedì 13 febbraio 2014

Le Cialde di Carnevale a Marsciano.


Carissimi Amici, il periodo di carnevale si arricchisce di un insolito dolce, che porta con se antiche e suggestive origini, le cialde di Marsciano. La tradizione locale racconta infatti che intorno al 1600, con l’istituzione della Compagnia del Purgatorio o Signoria del Carnevale, si diffuse l'usanza di raccogliere offerte in denaro e in generi alimentari: queste erano destinate a reperire i fondi per celebrare le messe in suffragio delle anime del Purgatorio, alle quali veniva ricondotto lo scampato assedio dei fiorentini su Marsciano, allora appartentente allo Stato della Chiesa. Una parte di quanto raccolto veniva destinata per fare le cialde da distribuire alla popolazione durante il Carnevale. Un tempo venivano usati dei ferri interamente realizzati a mano, le cui piastre al loro interno riportavano stemmi araldici, fregi, motti ed effigi delle antiche famiglie nobili del territorio umbro. Secondo la tradizione le cialde di Marsciano possono essere farcite con vari ingredienti, come per esempio, mandorle, noci, pistacchi, nocciole tritate e crema di latte soprattutto presso le famiglie nobili, tale indicazione è tratta dalle notizie che accompagnavano una serie di cialdiere esposte a Perugia, presso la Galleria Nazionale Umbra. Se volete scoprire di più sulle origini di questa antica arte gastonomica vi consiglio di visitare a Torgiano presso la fondazione Lungarotti il patrimonio artistico conservato nel Museo del Vino e nel Museo dell’Olivo e dell’Olio, infatti qui è davvero unica la ricca raccolta di ferri da cialda (foto)
  riconducibili tra il XIV ed il XX secolo, quando i ferri da cialda erano realizzati da mastri ferrai o raffinati argentieri, che li proponevano come consueto dono di fidanzamento. Ancora oggi a Marsciano esiste la comunità locale dei Ferri da Cialda, che riunisce gli abili artigiani che forgiano secondo gli antichi canoni e segreti gli strumenti per la cottura di questi dolci antichi, così da trasmettere alle nuove generazioni questo prezioso saper fare. La ricetta seguente è una delle preparazioni originali giunte fino ai giorni nostri.             


 Le Cialde di Carnevale di Marsciano.


Ingredienti:
700 gr. di farina "00",
200 gr. di zucchero,
200 ml.  di olio di semi,
1 bicchiere di vinsanto,
acqua q.b.
semi di anice q.b.

Procedimento:
In una terrina versate l’olio, lo zucchero, il vinsanto, l’acqua, la farina ed i semi di anice e mescolate fino ad ottenere una pastella omogenea piuttosto fluida. Ungete poi l’interno del ferro da cialda e fatelo scaldare sulla fiamma vivace. Ora che le piastre saranno ben calde ponete al centro della parte interna del ferro un cucchiaio di pastella e stringete gradualmente, fino a chiudere il ferro da cialda, facendo cuocere per tre minuti ogni lato. Trascorso il tempo di cottura estraete delicatamente la cialda dal ferro e a seconda della farcitura scelta potrete degustare la cialda sia piatta, che a cono o cestino, in questi casi dovrete però modellare velocemente la cialda quando è ancora calda, in modo tale da conferirle le caratteristiche forme. Come da tradizione le Cialde di Carnevale di Marsciano si possono gustare sia semplici che farcite con panna montata arricchita da confettini colorati, cioccolato, crema e frutta fresca, marmellata, ricotta, etcc. Per apprezzare al meglio questa preparazione vi consiglio di abbinare a questo dolce il vino Passito Sagrantino di Montefalco D.O.C.G.
  
Inoltre questa ricetta è stata pubblicata anche su: 
 
- San Francesco Patrono d'Italia Febbrio 2014
 

- Vivere Assisi, Febbraio 2014
  
 http://www.vivereassisi.it/index.php?page=articolo&articolo_id=452539

2 commenti:

Ely ha detto...

Mi affascinano gli strumenti della tradizione, così come queste cialde che devono essere deliziose. E' sempre bellissimo leggerti.. e mi manca tanto, tanto Assisi.. Un abbraccio immenso e complimenti :)

Timemimi 當代迷你倉 ha detto...

租賃當代儲存庫收費表柴灣貨倉獨立主機虛擬主機最平主機中國web design租賃葵涌文件櫃主機中文佔用